Lunedì, 20 Maggio 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

Il vescovo in visita al Grest di Serravalle e al Rifugio “Pineta” di Piuzzo in Val Borbera

Il cuore e gli occhi su Gesù per fare centro nella vita

Serravalle Scrivia - Nel pomeriggio di giovedì 30 giugno, Mons. Guido Marini ha visitato il Grest delle parrocchie di Serravalle e Stazzano. È stato accolto prima dai giovani serravallesi nel Salone del Centro Pastorale “Maria Regina”, dove da alcune settimane sono in corso le attività.

Il vescovo ha salutato con entusiasmo bambini e animatori, rivolgendo loro un breve pensiero e affiancandoli nel gioco e durante la merenda.

Dopo la visita a Serravalle, ha raggiunto il Rifugio “Pineta” a Piuzzo, frazione di Cabella Ligure, dove i ragazzi delle parrocchie di Stazzano, Serravalle e Vignole sono radunati da un paio di settimane per una vacanza speciale insieme, organizzata su diversi turni.

Per la prima volta Mons. Marini ha raggiunto il Rifugio, che si trova a 924 metri di altezza, in Alta Val Borbera. Era stato realizzato negli anni ’60 da don Giovanni Tagliafico, parroco di Stazzano fino al 2006 e recentemente è stato completamente ristrutturato per accogliere gruppi durante tutto l’anno.

Il Rifugio è da sempre punto di riferimento per i giovani, e non solo, della parrocchia di Stazzano e di quelle vicine.

Ogni anno in questa meravigliosa cornice sono realizzate delle esperienze di Grest nelle quali bambini e ragazzi possono sperimentare la gioia di vivere insieme giocando, camminando e dedicando del tempo alla preghiera.

Il vescovo Guido ha visitato i locali e gli ampi spazi esterni del Rifugio, apprezzando in modo parti- colare il contesto nel quale sono inseriti: una valle accogliente e silenziosa, che dà la possibilità di immergersi in escursioni a contatto con la natura e di dedicare del tempo alla cura dello spirito.

Ha poi celebrato la Santa Messa per i ragazzi, alla presenza dei parroci dell’Unità pastorale di Serravalle, Stazzano e Vignole don Luca Gatti e don Francesco Larocca e del parroco dell’Alta Val Borbera, don Luciano Maggiolo.
Durante l’omelia ha raccontato ai ragazzi una storia che aveva come protagonisti un insegnante di tiro con l’arco e i suoi allievi. L’invito che ha voluto fare ai ragazzi tramite questo racconto è stato quello di avere sempre presente l’obiettivo della loro vita, il “cerchio rosso” come l’ha definito, lasciando loro questo messaggio: «La nostra vita deve essere concentrata su ciò che è importante e fondamentale, per non sbagliare bersaglio nella vita. […] Volete centrare il cerchio rosso perché la vostra vita sia davvero piena, bella, ricca di significato, felice, autentica, vera?

Lo volete? […] Ragazzi, ragazze, il cerchio rosso della vita, lo imparate anche qui in questi giorni a Piuzzo, è un nome, un volto: si chiama Gesù. Se avrete gli occhi e il cuore puntati su questo nome e su questo volto non sbaglierete bersaglio!».

Melina Zerbo

Data: 08/07/2022



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona