Lunedì, 24 Giugno 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

«Il corpo di Cristo è misura estrema di amore per noi»

Mercoledì 10 giugno la catechesi sull’Eucaristia.
Giovedì 11 e domenica 14 le Messe del Corpus Domini

1/sacerdoti 4.jpg

TORTONA - Mercoledì 10 giugno con la catechesi sull’eucaristia il vescovo ha concluso gli in contri del mercoledì. Nell’ultimo appuntamento si è rivolto in particolare ai ministri straordinari della comunione eucaristica che quest’anno non hanno potuto ritrovarsi insieme per il cammino formativo e ai quali ha rivolto un pensiero grato e affettuoso.

La lettura dell’intensa preghiera “Dopo la comunione” della mistica Adrienne von Speyr, ha introdotto la riflessione che ha avuto come fulcro il brano del vangelo di Giovanni che è stato letto nella festa del Corpus Domini, domenica 14 giugno.
L’evangelista racconta come i giudei si scandalizzano a sentire Gesù che parla della sua carne da “divorare” e del suo sangue da bere, atto assolutamente vietato, in base alle norme del popolo ebreo, perché conteneva la vita.
«San Leone Magno in un suo sermone – ha detto Viola – ha spiegato che la nostra partecipazione al corpo e sangue di Cristo tende a farci diventare quello che mangiamo». Gesù stesso dice: «Colui che mangia me vivrà per me» e in questa frase c’è un doppio movimento.
«Comunicandoci al corpo e al sangue di Cristo – ha aggiunto il vescovo – noi viviamo di lui. Quando mangiamo il suo corpo e il suo sangue avviene il contrario di quello che succede con il cibo. Il pane della vita prende possesso di chi lo mangia e ci rende simili a lui. Noi dobbiamo pensare bene all’“Amen” che pronunciamo perché in esso vi è l’espropriazione di noi stessi».

Il mistico bizantino Nicola Cabasilas, vissuto nel XIV secolo, nel suo trattato “Vita in Cristo” afferma, parlando della comunione che «Il pane di vita è vivente (...) muove chi se ne nutre e lo trasforma.
Siamo noi ad essere mossi da lui e a vivere della vita che è in lui grazie alla sua funzione di testa e di cuore».
Mangiare il corpo significa essere assimilati da Gesù servo e parlare del sangue vuol dire ricordare l’offerta che lui ha fatto di se stesso, a compimento dei sacrifici antichi e come segno della nuova alleanza.
La questione decisiva di fronte a questa prospettiva è quella della nostra resa per avere gli stessi sentimenti di Cristo, per diventare “consanguinei di lui” come diceva Cirillo di Alessandria.
È lo Spirito che opera la comunione con Cristo e ogni volta che ci comunichiamo si rinnova l’effusione dello Spirito in noi. «Nella comunione con Cristo – ha spiegato Padre Vittorio – c’è anche quella con il Padre».
Santa Veronica Giuliani, cappuccina e mistica del ’700, «raccontava di vedere nel sacramento il Dio trino e unico: l’onnipotenza del Padre, la sapienza del Figlio e l’amore dello Spirito, facendo così esperienza dell’amore trinitario.

Ogni volta che mangiamo il corpo e beviamo il sangue in noi viene tutto il paradiso».

Mons. Viola ha invitato i ministri dell’eucaristia a non dimenticare mai «la consapevolezza della grandezza del dono del ministero ricevuto che non deve mai diventare motivo di orgoglio».

Infine ha esortato i fedeli presenti, e quelli collegati in streaming, a desiderare la «vera comunione con Dio e con i fratelli perché Cristo è presente nelle persone che ci sono vicine e con le quali dobbiamo essere in pace».

«Il nostro “Amen” – ha detto in chiusura – deve diventare come l’“Eccomi” di Maria che si consegna a Dio».

Il vescovo, nei giorni seguenti, ha presieduto tre celebrazioni eucaristiche per la solennità del Corpus Domini: giovedì 11, alle ore 21, a Tortona in Cattedrale, domenica 14 alle ore 10 in Collegiata a Novi Ligure e la sera, alle ore 21, in Duomo a Voghera.
In tutte e tre ha ribadito che nella “piccola porzione di pane” sull’altare è presente il Figlio di Dio e davanti a lui «noi dovremmo essere presi dallo stupore e dalla meraviglia come Israele nel deserto di fronte alla manna perché quella è la misura estrema di amore per noi che si fa cibo per renderci come lui».

Al termine delle tre funzioni, non potendo realizzare le processioni a cause delle normative anti contagio, è stato però vissuto un momento di adorazione silenziosa davanti al Santissimo Sacramento per invocare dal Signore la benedizione e affidare a lui le angosce e i timori dei mesi trascorsi.

Daniela Catalano

Data: 23/06/2020



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona