Martedì, 23 Luglio 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

La spiritualità dei laici

La due giorni di spiritualità e preghiera organizzata dall’Azione Cattolica diocesana

1/ac1.jpgTORTONA - “Date l’annunzio ai popoli: ecco, Dio viene, il nostro Salvatore”: con la celebrazione dei primi vespri della domenica nel primo giorno dell’anno liturgico è iniziata la due giorni di spiritualità e preghiera organizzata come di consueto dall’Azione Cattolica diocesana.
Un appuntamento che ogni anno, unitariamente, giovani e adulti dell’associazione si regalano per ritagliare una piccola pausa di formazione e cura della vita interiore nei ritmi sostenuti del quotidiano vivere.

A guidare gli incontri e a dettare le meditazioni mons. Ugo Ughi, sacerdote amico, che ha servito l’Azione Cattolica Nazionale come vice Assistente Generale e Assistente per il settore adulti e, per 13 anni, direttore spirituale del Pontificio Seminario Lombardo come successore del nostro carissimo don Pino Scabini.

Sabato 2 dicembre alle ore 18.00, in seminario a Tortona, nel primo incontro particolarmente rivolto ai giovani, don Ugo ha affrontato il tema della spiritualità laicale alla luce delle novità introdotte dal Concilio Vaticano II: attraverso un racconto, ricco di tratti autobiografici e profondamente legato all’esperienza di vita come sacerdote e assistente, ha richiamato il valore profondo della spiritualità del quotidiano che chiede a ciascuno di offrire la propria vita a Dio nelle cose di ogni giorno, con l’impegno costante di lasciarsi guidare dalla Parola per leggere la sua presenza nella ferialità e nello svolgimento degli impegni quotidiani della propria condizione di vita.

Laici e chierici non più separati dal mondo ma comunemente impegnati, in virtù del comune battesimo che ci rende tutti “Christifideles”, nell’opera di discepoli-missionari per l’annuncio del Vangelo ovunque.

La domenica, nell’accogliente e bella “chiesa matrice” di Santa Maria Canale, la giornata di spiritualità dedicata alla meditazione sul rapporto che lega la vita raccontata delle nostre esistenze personali e la vita in Cristo come proposta dalla sacra scrittura e dalla liturgia della prima domenica di Avvento.

In un tempo come quello attuale, per certi aspetti simile a quello di altri tempi, l’invito del profeta Isaia a rimettere al centro la virtù della speranza, sorella minore delle virtù teologali, ma forza di unione e spinta per alzare lo sguardo in alto. E noi, donne e uomini fragili, ma infinitamente preziosi agli occhi del Signore, ci ritroviamo in cammino nelle mani di Dio: “Ma, Signore, tu sei nostro padre; noi siamo argilla e tu colui che ci plasma, tutti noi siamo opera delle tue mani”.

I secondi vespri della Domenica hanno accompagnato don Ugo nel suo non breve viaggio di ritorno nella Diocesi di Fano, dove svolge il suo servizio, ma l’amicizia che ci lega e la profondità delle sue meditazioni ci aiuteranno a superare le distanze e ci saranno di stimolo per camminare insieme in questo tempo d’avvento e in questo anno liturgico, nuovo regalo del Signore venuto in mezzo a noi per plasmare le nostre esistenze.

Gianfranco Agosti

Data: 06/12/2017



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona