Diocesi di Tortona
Home
cerca:
Sabato, 04 Luglio 2020
Il Vescovo

Navigazione

 


Ultime Notizie


La DiocesiLa CuriaOrganismi PastoraliVicariati e Parrocchie

Catechesi in famiglia

Lettera Pastorale 2019

Notizie - III DOMENICA DI PASQUA
III DOMENICA DI PASQUA

LE LETTURE

PRIMA LETTURA (At 2,14.22-33)
Non era possibile che la morte lo tenesse in suo potere.

Dagli Atti degli Apostoli

[Nel giorno di Pentecoste,] Pietro con gli Undici si alzò in piedi e a voce alta parlò così:

«Uomini d’Israele, ascoltate queste parole: Gesù di Nàzaret – uomo accreditato da Dio presso di voi per mezzo di miracoli, prodigi e segni, che Dio stesso fece tra voi per opera sua, come voi sapete bene –, consegnato a voi secondo il prestabilito disegno e la prescienza di Dio, voi, per mano di pagani, l’avete crocifisso e l’avete ucciso.

Ora Dio lo ha risuscitato, liberandolo dai dolori della morte, perché non era possibile che questa lo tenesse in suo potere. Dice infatti Davide a suo riguardo: “Contemplavo sempre il Signore innanzi a me; egli sta alla mia destra, perché io non vacilli. Per questo si rallegrò il mio cuore ed esultò la mia lingua, e anche la mia carne riposerà nella speranza, perché tu non abbandonerai la mia vita negli inferi né permetterai che il tuo Santo subisca la corruzione. Mi hai fatto conoscere le vie della vita, mi colmerai di gioia con la tua presenza”.

Fratelli, mi sia lecito dirvi francamente, riguardo al patriarca Davide, che egli morì e fu sepolto e il suo sepolcro è ancora oggi fra noi. Ma poiché era profeta e sapeva che Dio gli aveva giurato solennemente di far sedere sul suo trono un suo discendente, previde la risurrezione di Cristo e ne parlò: “questi non fu abbandonato negli inferi, né la sua carne subì la corruzione”.

Questo Gesù, Dio lo ha risuscitato e noi tutti ne siamo testimoni. Innalzato dunque alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo promesso, lo ha effuso, come voi stessi potete vedere e udire».

SALMO RESPONSORIALE (Sal 15)
Rit: Mostraci, Signore, il sentiero della vita.

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.
Ho detto al Signore: «Il mio Signore sei tu».
Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:
nelle tue mani è la mia vita.

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;
anche di notte il mio animo mi istruisce.
Io pongo sempre davanti a me il Signore,
sta alla mia destra, non potrò vacillare.

Per questo gioisce il mio cuore
ed esulta la mia anima;
anche il mio corpo riposa al sicuro,
perché non abbandonerai la mia vita negli inferi,
né lascerai che il tuo fedele veda la fossa.

Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena alla tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.

SECONDA LETTURA (1Pt 1,17-21)
Foste liberati con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza difetti e senza macchia.

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, se chiamate Padre colui che, senza fare preferenze, giudica ciascuno secondo le proprie opere, comportatevi con timore di Dio nel tempo in cui vivete quaggiù come stranieri.

Voi sapete che non a prezzo di cose effimere, come argento e oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta, ereditata dai padri, ma con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza difetti e senza macchia.

Egli fu predestinato già prima della fondazione del mondo, ma negli ultimi tempi si è manifestato per voi; e voi per opera sua credete in Dio, che lo ha risuscitato dai morti e gli ha dato gloria, in modo che la vostra fede e la vostra speranza siano rivolte a Dio.

VANGELO (Lc 24,13-35)
Lo riconobbero nello spezzare il pane.

+ Dal Vangelo secondo Luca

Ed ecco, in quello stesso giorno [il primo della settimana] due dei [discepoli] erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo.

Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l’hanno visto».

Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.

Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro.

Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?».

Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

LA BEATA

1/beata Osanna.jpgBeata Osanna di Cattaro

Il 27 aprile la Chiesa fa memoria della Beata Osanna, religiosa appartenente all’Ordine della Penitenza di San Domenico e beatificata da papa Pio XI il 27 aprile 1927.

Nacque il 25 novembre 1493 in una famiglia ortodossa nel villaggio di Kebeza, nella regione di Zeta, che corrispondeva all’attuale Montenegro e che fino al 1797 appartenne alla Repubblica di Venezia.

Fu battezzata con il nome di Katerina Kosić, essendo nata proprio il giorno di santa Caterina. A quattordici anni, nel 1507, dopo il decesso di suo padre, Caterina fece la pastorella, poi andò a Cattaro (l’attuale città di Kotor in lingua serba) a servizio nella ricca casa del consigliere e giudice Alessandro Bucchia e della moglie Marina. In questa famiglia cattolica lei ricevette i sacramenti e non seguì più gli ortodossi.

Durante questo periodo, Caterina dimostrò molta diligenza nelle sue attività e una grande sensibilità verso i poveri. Dopo sette anni di servizio, all’età di 21 anni, decise di consacrarsi nel Terzo Ordine di San Domenico. Il 25 gennaio del 1515, giorno della conversione di san Paolo, fece giuramento di modestia, pietà e fedeltà e cambiò il suo nome di battesimo in O-sanna, in omaggio alla famosa terziaria di Mantova. Si ritirò in una piccola cella prima presso la chiesa di San Paolo, retta dai Domenicani. Osanna era nota non solo per la sua generosità ma anche per i poteri miracolosi che le erano attribuiti.

Nel 1563 predisse il terremoto a Cattaro e in un’altra occasione con la sua preghiera riuscì a combattere la peste.

Uno degli eventi più clamorosi accadde l’11 agosto del 1539 quando Ariadeno Barbarossa, corsaro turco, assalì Cattaro con settanta galere e 30.000 marinai. Il vescovo chiese alla beata di convincere il popolo a difendere la città.

«L’incoraggiamento da parte da Osanna – si legge nelle fonti – era talmente efficace, che tutti, donne e bambini inclusi, era corsa alle armi». Il 16 agosto 1539 Barbarossa si ritirò dalle Bocche di Cattaro senza conquistare la città.

A ricordo dell’avvenimento fu costruita la Porta del Nord, sul fiume Skurda. Osanna morì il 27 aprile 1565, all’età di 72 anni, dopo averne trascorso 52 in rigida penitenza. Grazie a Pio XI che nel 1927 autorizzò il culto, la domenicana fu la prima donna dei paesi slavi del Sud che fu beatificata. Le sue spoglie, proprio quell’anno, furono collocate nella chiesa di Santa Maria e durante la traslazione si constatò che, 362 anni dopo il decesso, le mani erano ancora flessibili e le dita avevano le unghie intatte.

Daniela Catalano

Data: 26/04/2020



Archivio Notizie: III DOMENICA DI PASQUA

Stampa
Stampa

Area Riservata

:
:

Calendario
«Luglio 2020»
LuMaMeGiVeSaDo
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Mese corrente


 


©2010 - Diocesi di Tortona

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru Energized by LamorfaLAB