Diocesi di Tortona
Home
cerca:
Gioved́, 19 Aprile 2018
Il Vescovo

Navigazione

 


Ultime Notizie


La DiocesiLa CuriaOrganismi PastoraliVicariati e Parrocchie

GUARDA GLI ULTIMI VIDEO PROPOSTI DAL SERVIZIO COMUNICAZIONI DELLA DIOCESI

SOSTIENI CON LA TUA OFFERTA I SERVIZI VIDEO DELLA DIOCESI (Dirette, riflessioni, omelie, ecc.)


visita

Notizie - Messaggio del Vescovo per il santo Natale

Alcuni anni fa, nel giorno di Natale, andai – come facevo di frequente – al cimitero di Santa Maria degli Angeli ad Assisi, sulla tomba di un bambino a me molto caro, che il Signore aveva chiamato con sé.

Era nel primo pomeriggio, quando le famiglie sono ancora in casa attorno alla tavola del pranzo di Natale, alle prese con panettone e spumante, mandarini e cartelle della tombola. Notai che, non distante da me, c’era un uomo anziano.

Stava seduto, da solo, su una sedia che evidentemente si era portato da casa. La tomba era quella della moglie, mancata da pochi mesi. Mi avvicinai per dirgli buon Natale. Parlammo un po’. Gli chiesi dove abitava, mi raccontò dei figli lontani, della sua casa vuota, del suo sentirsi a casa solo lì, guardando la fotografia di sua moglie.

Gli chiesi se potevamo pregare insieme, mi ringraziò.

Prima di salutarlo, gli raccomandai di non prendere troppo freddo, ma capii che la sua casa vuota, pur riscaldata, era più fredda di quel corridoio ventoso del cimitero.

Da allora, ad ogni Natale, mi torna sempre in mente il ricordo di quell’uomo. Non per tutti il Natale è un giorno facile da vivere. A volte sembra rendere più acuto un dolore, un’assenza, una distanza. In certe situazioni senti la fatica di dire buon Natale, perché ti sembra che l’unico augurio che potrebbe essere gradito è che passi in fretta.

Nei giorni della visita pastorale ho incontrato molte persone per le quali dire buon Natale non può essere solo l’abitudine del saluto di questi giorni: anziani soli, famiglie preoccupate per la mancanza di lavoro o ferite dal dramma di una separazione, ammalati stanchi di sperare in una guarigione che non arriva, giovani confusi da un mondo che li stordisce. Ho in mente molti volti.

Mi domando: ma non è proprio per chi sente la fatica della vita che Dio ha pensato questo giorno?

Non è proprio per il nostro cuore ferito sul quale il mondo versa l’aceto della solitudine che Dio ha voluto rivelarsi come Emmanuele, Dio-con-noi, liberandoci per sempre da un pianto solo nostro?

È così, ne sono certo: il Natale è l’unico fatto che può sostenere la nostra speranza, liberarci dalla solitudine, scaldarci il cuore d’amore, dare senso a ciò che facciamo fatica a comprendere.

In Gesù, Dio ha scelto di conoscerci da dentro, non per sentito dire, ma per compromissione con la nostra condizione, trasformando tutto ciò che è umano nel luogo della sua presenza.

Per riconoscerla dobbiamo farci piccoli, come i pastori.

La vita ci fa piccoli e noi vogliamo accogliere il Signore che viene con la semplicità e l’abbandono dei bambini.

Auguro a tutti e a ciascuno, di cuore, buon Natale.

+ Vittorio

Data: 21/12/2017



Archivio Notizie: Messaggio del Vescovo per il santo Natale

Stampa
Stampa

 

 


Area Riservata

:
:

Calendario
«Aprile 2018»
LuMaMeGiVeSaDo
      1
Diocesi: 1.PASQUA DI RISURREZIONE
2345678
9
Diocesi: 9.CDAE e Consiglio presbiteriale
10111213
Diocesi: 13-15.Due giorni educatori ACR
1415
Diocesi: 15.Giornata per l'università cattolica del Sacro Cuore
Diocesi: 15.Incontro Diaconi
1617181920
Diocesi: 20.Veglia vocazionale
2122
Diocesi: 22.Giornata di preghiera per le vocazioni
23242526272829
30      

Mese corrente


Riepilogo: Aprile 2018

 


©2010 - Diocesi di Tortona

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru Energized by LamorfaLAB