Diocesi di Tortona
Home
cerca:
Domenica, 25 Giugno 2017
Il Vescovo

Navigazione

 


Ultime Notizie


La DiocesiLa CuriaOrganismi PastoraliVicariati e Parrocchie

GUARDA GLI ULTIMI VIDEO PROPOSTI DAL SERVIZIO COMUNICAZIONI DELLA DIOCESI

SOSTIENI CON LA TUA OFFERTA I SERVIZI VIDEO DELLA DIOCESI (Dirette, riflessioni, omelie, ecc.)


visita

Notizie - Celebrazione eucaristica delle Ceneri

“Siamo convocati davanti a Dio”

TORTONA - La sera di mercoledì 1° marzo, alle ore 21, la comunità diocesana è stata invitata a partecipare a un importante momento di preghiera: la celebrazione eucaristica delle Ceneri, inizio solenne del cammino della Quaresima, che porta verso la Pasqua.

1/ceneri.jpgA presiedere la funzione il Vescovo Mons. Vittorio Viola, con il parroco del Duomo don Claudio Baldi, il vice don Luca Ghiacci e i parroci della città.
Sul canto d’inizio si è snodata la processione di presbiteri, diaconi e chierici fino all’altare maggiore, durante la quale sono state portate anche le ceneri che da lì a poco il Vescovo avrebbe benedetto prima di distribuirle sul capo dei presenti.

Mons. Viola, salito all’ambone, ha iniziato la sua omelia affermando: “È sempre una grande consolazione poter iniziare il cammino della Quaresima, perché entrando in questo tempo santo, avvertiamo la misericordia di Dio per noi, la sua pazienza, il suo non essersi ancora stancato di noi, offrendo a ciascuno la possibilità di prepararci a fare nuovamente esperienza della sua Pasqua. È come un investimento di speranza il tempo di Quaresima”.

Facendo riferimento al brano della prima lettura del profeta Gioele che parlava di un grande flagello – un’invasione di cavallette – che aveva distrutto tutti i raccolti aprendo un periodo durissimo di carestia per il popolo ebraico, il Vescovo ha messo in evidenza come questo popolo, duramente colpito, fa un movimento di conversione, di ritorno al Signore e questo si esprime “attraverso il linguaggio del digiuno, del pianto, del lamento”.

Il profeta, però, invita non a una pratica esteriore, quanto piuttosto a una pratica interiore, espressa attraverso questi gesti, ma che deve nascere dal cuore, perché il Signore vuole la conversione del cuore.

Tutto il popolo viene convocato, viene proclamato un solenne digiuno, viene fissata una riunione sacra, ci sono tutti, vecchi, fanciulli, bambini lattanti, lo sposo e la sposa.

“Che cos’è questo inizio della Quaresima – si chiede il Vescovo – se non questa grande convocazione, con la quale noi stiamo davanti a Dio invocando la sua misericordia su di noi, nella certezza di non doverlo convincere ad essere buono verso di noi? Noi siamo certi che lui ci ha già guardato con misericordia.
Questo suo essere misericordioso e pietoso per noi si è rivelato nella croce del Figlio suo. E il Figlio assumendo la nostra condizione, ha unito la sua voce di Figlio, nell’innalzare al Padre la stessa supplica di perdono che i sacerdoti nell’antico Israele innalzavano a nome di tutto il popolo”.

“La Chiesa, che è madre – prosegue Mons. Vittorio – ci consegna questi gesti (l’elemosina, la carità, la preghiera, l’ascolto della parola, il digiuno, la penitenza) ogni anno,  quasi il voler sentire nella nostra carne il bisogno di lui, quasi a voler ridestare il nostro mondo interiore, così intorpidito, frastornato, frantumato, da questa nostra esistenza dove tutto cerca di soffocare la voce di Dio”.
“Occorre fare spazio, ascoltare la parola, liberarci di quella schiavitù di noi stessi, attraverso i gesti di carità.
Occorre sentire nella nostra carne, il bisogno di lui, esprimerlo, dirlo, farne una supplica corale, tutti insieme, mentre ciascuno di noi assume questi strumenti che la santa madre Chiesa ci consegna.
Chiedendoci anche di indossare l’abito della cenere, che esprime quello che siamo davanti a Dio.
Una cenere che attende come ogni anno di tornare a essere fuoco così come avverrà nella notte santa della veglia di Pasqua”.

Terminata la riflessione Mons. Viola ha proseguito la funzione con il rito dell’imposizione delle Ceneri sui numerosi fedeli presenti.

Con la benedizione finale, il celebrante e l’assemblea hanno chiesto al Signore di “lasciarci trasformare dalla potenza della sua parola e dal suo amore e di arrendersi alla sua forza che salva”.

Data: 08/03/2017



Archivio Notizie: Celebrazione eucaristica delle Ceneri

Stampa
Stampa

 

 


Area Riservata

:
:

Calendario
«Giugno 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
   123
Diocesi: 3.Veglia di Pentecoste
4
567891011
12131415
Diocesi: 15.Convegno CPAE
161718
19202122232425
26
Diocesi: 26.CDAE
27282930  

Mese corrente


Riepilogo: Giugno 2017

 


©2010 - Diocesi di Tortona

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru Energized by LamorfaLAB